Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

DOVE LO BUTTO???? Nuova organizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti

DOVE LO BUTTO???? Nuova organizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti

03-02-2019   


E' partita la nuova organizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti indifferenziati e differenziati
Gli operai comunali stanno distribuendo in questi giorni i bidoncini colorati per poter trasportare i rifiuti già differenziati alle aree ecologiche dove troverete un bidone per plastica/vetro di colore BLU, un bidone per la carta di colore BIANCO, un bidone per la raccolta del materiale indifferenziato di colore GRIGIO.

Non sai come differenziare  i tuoi rifiuti?

Sul sito http://www.reaspa.it/dove-lo-butto/ trovi la risposta alle tue domande!

E’ semplice… inserisci il nome del tuo rifiuto e ti diciamo come smaltirlo correttamente!

 

Si ricorda che per il ritiro dei rifiuti ingombranti occorre prenotare il ritiro contattando Rosignano Energia Ambiente (REA) al numero verde gratuito 

800 517692

Chiamando il numero verde di REA  potrete prenotare il ritiro gratuito a domicilio di:

  • Rifiuti Ingombranti
  • Potature
  • RAEE (apparecchiature elettriche ed elettroniche)

Il numero verde risponde dal Lunedì al Venerdi dalle ore 08.30 alle ore 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30, il Sabato dalle ore 08.30 alle 12.30.

Ricordiamo di prenotare il ritiro di Ingombranti e Potature, PRIMA di posizionare il materiale al di fuori dell’abitazione

Il numero verde può inoltre essere utilizzato per:

  • Richiedere informazioni sui Servizi e sulle Raccolte Differenziate
  • Effettuare Segnalazioni (ad esempio di rifiuti abbandonati o problematiche relative alle postazioni di raccolta*)
  • Effettuare reclami

Si ricorda infine che è vietato l'abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti così come disposto dal D.Lgs. n. 152/2006. La violazione del divieto in questione è sanzionata dall’articolo 255, comma 1, con una sanzione amministrativa se trattasi di soggetti privati; invece l’articolo 256, comma 2 ricollega la sanzione penale alla violazione dello stesso divieto nel caso si tratti di titolari di imprese e responsabili di enti.

A) abbandono di rifiuti effettuato da soggetto privato (art. 255, comma 1, D.Lgs. n. 152/06). 

Un soggetto privato che abbandona un rifiuto è punito:
- con una sanzione amministrativa pecuniaria da trecento euro a tremila euro, se si tratta di rifiuti non pericolosi;
- se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la sanzione amministrativa è aumentata fino al doppio.

B) abbandono di rifiuti effettuato da titolare d’impresa o responsabile di ente (art. 256, comma 1, D.Lgs. n. 152/06). Ove l’abbandono venga effettuato da un titolare di impresa o responsabile di ente, l’azione sarà soggetta ad una sanzione penale:

- arresto da tre mesi a un anno o ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro, se si tratta di rifiuti non pericolosi;

- arresto da sei mesi a due anni e ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro, se si tratta di rifiuti pericolosi.

Il responsabile, quindi, verrà denunciato all’autorità giudiziaria.



Tags: -